MILANO RADICALMENTE APERTA: I documenti del Comune di Milano

Annalisa Iorio nasce a Boscotrecase, Napoli, proprio sotto il Vesuvio. Vive e lavora da anni a Milano quale docente libera professionista di lingua inglese presso aziende e privati. E' una italo-tedesca che ha vissuto, studiato e lavorato in Svizzera, in Germania, a Parigi e a Londra.

Sin dall'adolescenza in Germania si avvicinò al pensiero e alle teorie di Marx e di Engels stimolata dai vivaci scambi di idee con suo padre che contribuirono non poco allo sviluppo del suo già spiccato “spirito battagliero” a difesa dei diritti della gente. Non a caso in famiglia la soprannominarono la “Giovanna d'Arco”.

Nel 1981 Annalisa perse tragicamente ambedue i genitori. L'evento fu estremamente traumatico per lei ma, nel contempo, funse da grande spinta per consolidare la sua notevole forza d'animo che l'aiuterà sempre ad affrontare al meglio anche i lati più marcanti della vita. Da lì capì che la pazienza, il coraggio e l'infaticabile impegno nel realizzare i suoi progetti sarebbero stati la regola d'oro della sua vita e della sua personalità.

Dal periodo universitario a Parigi fece sua una frase di Voltaire “Non sono d'accordo con quello che lei dice, ma darei la vita affinché lei possa continuare a dirlo”. Questa frase divenne il suo Leitmotiv comportamentale al servizio delle innumerevoli battaglie che condurrà da quel momento in poi.

Un esempio? Nel 2010, l'azienda in cui Annalisa lavorava da 5 anni come insegnate responsabile dei corsi aziendali e dell'addestramento dei docenti, chiuse la sua sede e le sue 5 filiali senza preavviso, lasciando a casa 350 dipendenti senza pagare gli stipendi arretrati degli ultimi 6 mesi, penalizzando inoltre 15.000 studenti impossibilitati a continuare i loro studi pur avendo totalmente pagato i rispettivi corsi.

“Giovanna d'Arco” divenne allora l'infaticabile coordinatrice del “Movimento studenti & dipendenti” e, con alcuni alunni animò il blog “WW School Blog”, organizzò una manifestazione con presidio in collaborazione con la Federconsumatori Lombardia e attivò l'ufficio stampa per assicurare la massima sensibilizzazione e visibilità alla causa in questione. Ci furono vari servizi su TG3 e TG1 all'uopo ma l'appoggio della trasmissione “Articolo 3”, concordato con Maria Luisa Busi non poté andare in porto per la chiusura imprevista del programma.

Nata sotto il segno della Bilancia e l'ardore del Vesuvio la nostra appassionata di battaglie è passata maestra nell'uso dell'arma della comunicazione per vincerle e raggiungere i suoi scopi. Seguendo il prezioso consiglio di Yeats “ Pensa come una persona saggia ma comunica nel linguaggio del popolo.”

Inserisci la somma (anche un solo euro fa la differenza)
Non hai la carta di credito? Guarda le altre forme di pagamaneto

Annalisa Iorio

Candidato Consiglio Comunale
Candidato Consiglio di zona
130171947051552 profile_field_fbwall_0 false false 10 24