MILANO RADICALMENTE APERTA: I documenti del Comune di Milano

Claudio Barazzetta nasce a Como il 26 gennaio 1974.

Negli ultimi anni ha vissuto al Monte Amiata nel quartiere Gallaratese, poi a Pero, territorio da svariati anni interessato da profondissime trasformazioni, prima per il Nuovo Polo Fiera Milano e poi in vista dell’Expo2015.

Lavora da più di dieci anni per un’azienda del mobile e dell’interior design a Seveso, dove ha trascorso la sua infanzia, in quella Brianza in cui il tessuto sociale è intrecciato a quello economico delle piccole e medie aziende artigiane, da cui Claudio trae il suo carattere mite ma testardo. Fino ai primi anni ’80 la vita in quelle zone è inevitabilmente segnata dalla tragedia della diossina e, raggiunta la maturità, Claudio si rende conto dell’impatto che quell’evento ha avuto sulla sua formazione, specialmente per quanto riguarda la libertà di scelta dei singoli e la responsabilità delle aziende nei confronti dei territori dove operano.

Nel 1997, durante il servizio presso il Reggimento Artiglieria a Cavallo di Milano, il tema ambientale torna a toccare la vita di Claudio, il quale partecipa a due campi militari nel Poligono Sperimentale di Addestramento Interforze del Salto di Quirra di Perdasdefogu, sul quale sono state aperte recentemente delle inchieste riguardanti la salute pubblica, a causa dell'inquinamento da nanoparticelle e uranio impoverito nella sperimentazione di armamenti.
Da questi episodi scaturisce la sua attenzione per la qualità ambientale dello spazio in cui ognuno ha diritto di vivere.

Tra il 1998 e il 2001 Claudio frequenta assiduamente Parigi, dove entra in contatto con un’umanità eterogenea e cosmopolita, che lo arricchisce profondamente, regalandogli quella visione europeista, quell’essere cittadino del mondo, che non lo abbandonerà più.

Gli studi in Scienze Politiche - presso la cui facoltà di Milano si laurea in Storia dell’Africa, con una tesi che unisce la costruzione della Sadc, organismo sovranazionale simile alla nostra Unione Europea, con i problemi relativi alla gestione della sicurezza comune – lo hanno formato alla concezione propria di J.S. Mill secondo la quale “il solo aspetto della propria condotta di cui ciascuno deve rendere conto alla società è quello riguardante gli altri: per l'aspetto che riguarda soltanto lui, la sua indipendenza è, di diritto, assoluta. Su se stesso, sulla sua mente e sul suo corpo, l'individuo è sovrano”.

La cristallizzazione di una tale filosofia di vita non poteva che sfociare nell’appoggio dato ai Radicali.

Inserisci la somma (anche un solo euro fa la differenza)
Non hai la carta di credito? Guarda le altre forme di pagamaneto

Claudio Barazzetta

Candidato Consiglio di zona
claudio.barazzetta profile_field_fbwall_0 true true 125 24